Quale ruolo ha il tuo “prodotto” sul mercato ?

Può sembrare una domanda banale, ma se avete un’azienda, anche piccola, provate a dare una risposta concreta.

Ogni imprenditore ha a cuore il prodotto, è come se fosse la sua creatura. Ne conosce ogni aspetto, ogni minimo dettaglio.

Sono talmente legati al proprio prodotto che molti, nel definire la strategia aziendale, decidono di partire dal prodotto, produrlo in base alle proprie competenze (perchè lo sanno fare molto bene da anni) e poi cercare di venderlo sul mercato, invece di partire dal cliente, dalle sue mutevoli esigenze e poi risalire a ritroso, sino alla produzione del prodotto, “calibrata” sui nuovi bisogni, che lo renderebbe “più vendibile”.

Dunque non è poi così scontato conoscere alla perfezione il ruolo del proprio prodotto. Non certo riferendosi alla sua ideazione, realizzazione e nemmeno alle sue performance che sa promettere.

Per “conoscenza del proprio prodotto” si intende il ruolo che quella specifica “categoria di prodotti” ha acquisito sul mercato di riferimento. Anche se le sue caratteristiche, le performance, l’aspetto esteriore, il design e la presentazione nel corso degli anni, sono sicuramente migliorate, il RUOLO DEL PRODOTTO è cambiato e cosi anche la sua comunicazione.il tuo prodotto

In che modo ?

Se agli inizi il prodotto doveva essere “funzionante“, nel tempo lo stesso ha assunto altri “ruoli & caratteristiche” (che si andavano ad aggiungere a quelli precedenti): “ben distribuito“, “buono” e “bello“, “sicuro” e “sano“,  “etico e di valore“, sino ad “emozionante“.
Ora se ne aggiungono altri come “sostenibile“, “ecologico“, “autentico” (in chiaro contrasto con l’obsoleta ostentazione).

ll food, ad esempio, incarna anche valori quali: “tipicità“, “sicurezza“. La vacanza in agriturismo non è più solo legata ad un fattore economico, ma a tale si aggiungono quelli di “libertà” e “ruralità“. Nell’abbigliamento son presenti anche valori quali “made in Italy” (come valore sociale/etico), “artigianalità” e “qualità” (nel senso di sensibilità al trattamento delle materie prime impiegate).

Questo cosa ci dice ? Ci fa comprendere che se questi valori sono ciò che il mercato ricerca oggi, in aggiunta alle caratteristiche tecniche che sono la base, vuol dire che la stessa impresa (per crescere o difendere i propri spazi) deve porsi in modo diverso sul mercato.

Vale a dire che deve dedicare tempo per conoscere meglio i clienti attuali
e quelli potenziali !

Perciò, se il prodotto ha anche il ruolo di “emozionare” di “far vivere una determinata esperienza“, vuol dire che come imprenditore mi devo saper proporre al meglio nei luoghi (on line e off line) dove si condivide una certa emozione, passione e valori, tra un determinato gruppo di personeQuesto è il tipico approccio dell’impresa che vuol essere protagonista nel suo mercato !

Ecco perchè non si parla più di “stili di vita“, ma di “momenti di vita” (due persone che hanno ruoli diversi nella vita privata, possono condividere una certa passione e quindi, in quel momento, fanno parte dello stesso target).
I prodotti oggi (non solo i servizi), devono MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA dei clienti, quindi la propria impresa e prodotti devono “aver senso nella società” e perciò si parla di “reputazione del brand”.

Quale suggerimento ne possiamo trarre ?

La fidelizzazione non può più essere ricercata (semmai fosse stato così in passato) attraverso il mero valore d’uso del bene (con sconti e offerte), ma seguita costruendo relazioni basate su passioni e interessi condivisi dai clienti.

Ecco perchè i social hanno assunto un ruolo di primo piano nelle strategie aziendali (anche delle micro imprese), ora sempre più consapevoli che sui social media non si vende, ma si acquista la fiducia e la credibilità, grazie alle relazioni, al dialogo e al coinvolgimento.

In sintesi: ascoltiamo la Rete, parliamo con i nostri clienti e capiremo così quali “ruoli” i nostri prodotti dovranno soddisfare sul mercato. L’unicità pretende originalità !

Visto che siamo solo agli inizi di questo 2016 ecco 4 semplici, ma decisamente buoni, propositi da seguire nella nostra strategia aziendale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.