Perché raccogliere i contatti dei clienti ?

I mercati sono conversazioni.
I mercati sono, da sempre, conversazioni.

“I mercati sono conversazioni” e “I mercati sono fatti di esseri umani, non di segmenti demografici” sono le prime due tesi che compongono il famoso (per gli addetti ai lavori) Cluetrain Manifesto. Bastano già queste per far capire che, se i mercati son conversazioni e son composti da persone, le aziende per crescere e progredire hanno la necessità di costruire un sistema efficace di relazioni, partendo ad esempio, dalla raccolta dei contatti e dunque la costruzione di un database aziendale.

La raccolta dei contatti è il primo passo. Attraverso questi ed insieme ad una corretta strategia aziendale, saremo in grado di rispondere a queste domande basilari: chi sono i nostri clienti ? cosa fanno ? cosa desiderano ? in cosa credono ? perchè ci han scelto o ci scelgono ? cosa cercano ? cosa li emoziona ? cosa li induce a condividere un’esperienza vissuta ? in cosa mostrano interesse ?
L’unico approccio per conoscere realmente chi sono i nostri clienti.

Raccolta contatti dai clienti.
Il valore del contatto per l’azienda

Possiamo anche dedicare la massima attenzione ed energia ai prodotti e servizi che proponiamo (in passato in parte, poteva anche bastare), ma se non abbiamo la benché minima idea di chi sia il nostro cliente (perchè non lo seguiamo, non lo ascoltiamo,…), diventa molto difficile riuscire superare le sue aspettative, soddisfarlo sempre e quindi tentare di fidelizzarlo.
E’ altrettanto vero però che non ha senso (ed è un pò penalizzante) raccogliere in qualche modo contatti dei clienti, se poi non abbiamo le idee chiare su come utilizzarli al meglio (che non vuol dire certo intasargli la casella di posta elettronica con solo promozioni commerciali).


Partiamo dall’assunto che il cliente non acquista prodotti o servizi, ma esperienze. Non vuole chiodo e martello, ma un quadro appeso bene (cerca il risultato, la soluzione alle sue esigenze).


Come ricordavo qui Il cliente è l’unica certezza che l’azienda ha e sulla quale deve investire per conoscerlo, ascoltarlo, coinvolgerlo offrendogli cose utili, portandolo a preferire i nostri prodotti/servizi, rispetto ad altri, perchè ha percepito differenze per lui rilevanti.

Prima di individuare gli strumenti per costruire un database di contatti, cerchiamo però di definire la strategia (cosa vogliamo ottenere ?), i tempi (quando ci attendiamo i primi risultati ?), i modi (attraverso quali contenuti e canali ?) e le risorse (chi seguirà il progetto internamente ?), attraverso i quali li vogliamo coccolare, informare, coinvolgere, gestire.

Marketing-Dynamix-Mailing-Lists
Attività di mailing verso i clienti per gestire una relazione

Ecco qualche pratico suggerimento per organizzarsi:

  • Partiamo dai clienti che già abbiamo e parlando con loro possiamo verificare alcune cose a noi utili (loro saranno già contenti);
  • Pensiamo ad un qualcosa di gradito da omaggiare ai nostri clienti e tramite un’iniziativa raccogliamo il contatto (nome e mail possono inizialmente bastare). Potrebbe essere svolto anche in occasione di qualche festività o ricorrenza, le occasioni non mancano;
  • Organizziamo un “sistema di contatto” tramite un servizio mailing (tipo mailchimpmailup) per fornire loro (con cadenza regolare) contenuti utili e coerenti con il nostro mercato e azienda (al cliente interessa se parliamo di lui e non dei nostri prodotti e servizi). In questo passaggio ricordiamoci che il messaggio deve passare nel modo più semplice possibile, non rendiamogli la vita complicata;
  • I contenuti devono coinvolgere quindi vanno bene argomenti in cui si risolvono problemi o necessità, ma anche mini questionari periodici per raccogliere consensi e/o suggerimenti, come van bene anche le mail post soggiorno (nel caso di vacanze) o post acquisto (nel caso di prodotti) per avere un riscontro.
  • All’attività di mailing possiamo affiancare anche un blog e/o alcuni social media. Questo dipende dal nostro mercato, prodotto/servizio e target, ma sempre con lo scopo di “costruire relazioni” e dialogare (un’ottima soluzione per rafforzare la nostra immagine e reputazione e farci preferire rispetto ad altri, all’atto dell’acquisto).

Prendiamoci cura di loro e facciamoli sentire speciali, non è tempo perso, è un investimento per il futuro !!! A tutti, compresi noi stessi nella veste di cliente, piace essere corteggiati, ascoltati e coccolati. Cominciamo perciò a farlo con i nostri clienti.


 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.